Conferenza del Dalai Lama - 4 Nobili Verità, 7 apr 2021

Ieri sera ho visto la video-conferenza del Dalai Lama sulle 4 nobili verità. Video molto recente datato il 7 Aprile 2021. Ora farò un piccolo riassunto di quello che maggiormente ha risuonato in me durante la conferenza.

Amore e Compassione

L’amore e la compassione sono i due pilastri di tutte le religioni umane, il collante che le tiene assieme tutte, i semi da cui germoglia una felicità comunitaria duratura.

E' utile ricordare a noi stessi che siamo degli animali sociali e che quindi l’altruismo deve essere parte integrante dei nostri pensieri, delle nostre parole, delle nostre azioni ed infine, delle nostre abitudini.

L’egoismo invece, tende a separarci, a isolarci. Attraverso l’egoismo siamo anche invogliati ad essere maggiormente consumisti, in quanto se ci sentiamo separati dagli altri, se vediamo l’altro come un nemico capiterà di essere insoddisfatti (anche perché neghiamo la nostra intrinseca natura sociale e interdipendente) e quindi ci capiterà anche di acquistare oggetti materiali cercando di colmare questo vuoto esistenziale.

Meditare sul fatto che tutti gli esseri viventi cercano la felicità e rifuggono dal dolore ci permette di avere uno sguardo più compassionevole sulla vita dell’altro. Chiunque esso sia.

Infine ricordo, come è stato detto che, mostrarsi umili dinnanzi a tutti, è un ottimo antidoto all’egoismo.

Emozioni Distruttive e Studio Disciplinato del Dharma

Un altro compito importante, oltre a sviluppare le qualità positive, è quello di evitare la manifestazione delle nostre emozioni negative verso gli altri, gli eventi e anche verso noi stessi in quanto i primi a sentire la sofferenza causata da queste emozioni siamo proprio noi.

Il Lama, oltre a recitare e leggere le scritture, consiglia vivamente di studiarle. Quindi di non fermarsi alla mera ripetizione tramite mantra o alla mera lettura ma consiglia di andare molto più a fondo, cercando di ragionarci su, di riflettere e di raggiungere il senso ultimo e intimo di quegli insegnamenti.

Alla luce di ciò, si fa molto più chiaro il consiglio del Budda:

Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile.

E’ quindi un chiaro invito a valutare attraverso le nostre riflessioni il suo insegnamento così da raggungere una fede concreta che nasce da certezze profonde e non una fede cieca, basata su fragili fondamenta.

Ricevi castenettoa.com nella tua email.